Pensioni ultime notizie: importi assegni più bassi a marzo? Perché

Pubblicato il 17 Febbraio 2021 alle 07:30 Autore: Daniele Sforza
bonus irpef febbraio 2021

Pensioni ultime notizie: importi assegni più bassi a marzo? Perché

Pensioni ultime notizie: l’importo dell’assegno relativo alla mensilità di marzo potrebbe essere più basso. Ci sono diversi motivi alla base di questo assunto, ma va anche precisato che non tutti i pensionati saranno interessati dalle variazioni. Alcuni fattori sono però periodici nel rivalutare il calcolo dell’importo degli assegni: andiamo a scoprire quali sono e come influiscono sugli assegni previdenziali.

Pensioni ultime notizie: importi e trattenute fiscali a marzo 2021

Il primo punto dal quale partire è senza dubbio il prelievo fiscale, vale a dire la trattenuta Irpef, che arriva come ogni anno a marzo. Alla trattenuta Irpef si aggiungono poi i versamenti dell’addizionale regionale 2020 e il saldo dell’addizionale comunale 2020. Il secondo va a completare quanto già anticipato nell’anno precedente, mentre nello stesso mese si parte con l’acconto dell’addizionale comunale 2021, ripartito in 9 rate, che sarà poi conguagliato a marzo 2022.

A ogni modo il ricalcolo Irpef 2020 riguarderà solamente quei pensionati che hanno percepito anche altre fonti di reddito soggette a imposte, fatta esclusione dell’assegno previdenziale. La trattenuta sarà il risultato del calcolo di quanto considerato nella dichiarazione dei redditi inviata e sull’incrocio dei dati relativi agli altri documenti fiscali.

Marzo è anche il mese in cui risultano gli eventuali rimborsi di credito relativi all’imposta dell’anno precedente. In caso di errori o mancanze che abbiano determinato un pagamento non dovuto, marzo sarà il periodo di riscossione del rimborso.

Per il resto si attendono novità dal governo sulla riforma previdenziale di cui parlerà (e molto) da qui fino a fine anno. Diverse le ipotesi al vaglio, con l’unica certezza che Quota 100 sparirà il 31 dicembre 2021 e non sarà prorogata, nemmeno per un anno, al fine di evitare lo scalone di 5 anni per l’accesso alla pensione. Altre soluzioni sono all’orizzonte.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →