Aggiornamento piano vaccini Covid 2021: Ecco chi avrà priorità

Pubblicato il 11 Febbraio 2021 alle 14:45 Autore: Guglielmo Sano
Aggiornamento piano vaccini Covid 2021: Ecco chi avrà priorità

Aggiornamento piano vaccini Covid 2021: Ecco chi avrà priorità

Che cosa cambia con l’aggiornamento del piano vaccini Covid 2021. Dopo personale sanitario, anziani residenti delle RSA e over 80 quali sono adesso le categorie di cittadini per cui la somministrazione diventa “prioritaria“?

Aggiornamento Piano vaccini Covid: cosa cambia?

Dopo l’aggiornamento del piano vaccini Covid, innanzitutto, si apre alle somministrazioni durante la fase 1 per alcune categorie particolarmente esposte al contagio (Insegnanti, forze dell’ordine etc…) e, in secondo luogo, cambiano le categorie prioritarie per la Fase 2. In pratica, nella seconda parte del programma di immunizzazione si darà la precedenza a 6 tipologie di cittadini: si partirà con le persone “estremamente vulnerabili” a causa di alcune particolari patologie a prescindere dall’età, poi alle persone con età compresa tra i 75 e i 79 anni, poi a quelle con età compresa tra i 70 e i 74 anni, successivamente a quelle con età compresa tra i 16 e i 69 anni senza patologie che comportino gravi rischi clinici, infine, a chi ha tra i 55 e i 69 anni e chi ha tra i 18 e i 54 anni di età senza patologie che comportino gravi rischi clinici. Alle prime 5 categorie saranno somministrati i composti basati su tecnologia M-Rna (Pfizer e Moderna), alla sesta quello più “tradizionale” di AstraZeneca. Uno schema riepilogativo:

  • Soggetti “estremamente vulnerabili” – Pfizer e Moderna
  • Soggetti con età 75-79 anni – Pfizer e Moderna
  • Soggetti con età 70-74 anni – Pfizer e Moderna
  • Soggetti con età 16-69 anni – Pfizer e Moderna
  • Soggetti con età 55-69 anni – Pfizer e Moderna
  • Soggetti con età 18-54 anni – Astrazeneca

Chi sono i soggetti estremamente vulnerabili?

Chi sono i soggetti estremamente vulnerabili individuati dall’aggiornamento del piano vaccini Covid? In generale, si tratta delle persone affette da patologie che espongono a un maggiore rischio di morte in caso di infezione. Nello specifico, sono i soggetti con malattie respiratorie, cardiocircolatorie, neurologiche, malattie epatiche, renali e cerebrovascolari, malattie oncologiche, malattie autoimmuni, disabilità e sindrome di Down, endocrinopatie, fibrosi cistica, obesità patologiche e trapiantate. All’interno della categoria, vigerà comunque un criterio anagrafico per quanto riguarda la precedenza: insomma, anche tra i vulnerabili si darà priorità a chi è più anziano.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →