Sfincia di San Giuseppe ingredienti e ricetta, come si prepara

Pubblicato il 19 Marzo 2021 alle 13:22 Autore: Claudia Mustillo

La Sfincia di San Giuseppe è un dolce tipico della Sicilia Occidentale, originariamente prodotto a Palermo, e viene consumato il 19 marzo proprio in occasione della festa di San Giuseppe. È stato inserito all’interno nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Vediamo insieme gli ingredienti e la ricetta. 

Ingredienti per la sfincia

  1. 0,25l acqua
  2. 0,25kg strutto
  3. 5g sale
  4. 0,25 kg farina
  5. 7 uova

Per la ricotta

  1. 500g ricotta fresca di pecora
  2. 150g zucchero
  3. 100g cioccolato fondente

Iniziamo la preparazione della sfincia di San Giuseppe quindi per prima cosa fate bollire strutto e acqua, poi successivamente incorporate la farina, aggiungete le uova e quindi mescolate fino ad ottenere un composto denso e liscio. A questo punto prendete dei pugni di impasto, della sfincia di San Giuseppe, e cuocere nell’olio di semi di girasole a 180° per circa 10-15 minuti. Poi fate una seconda frittura a 220° per avete un impasto più croccante e dorato, infine lasciate raffreddare e riposare per un paio di ore. 

La farcia della Sfincia di San Giuseppe

Continuate a preparare la sfincia di San Giuseppe quindi procediamo con la preparazione della ricotta per la farcia. Iniziate setacciando la ricotta, mescolandola con lo zucchero. Quindi aggiungete il cioccolato a scaglie e amalgamate la farcia. 

Quando saranno passate due ore e la pasta della sfincia di San Giuseppe avrà riposato procedete con la definizione: quindi riempite una sac a poche con la farcia e poi riempite ogni sfincia con circa 80g di ricotta, quindi ricoprite anche esternamente con ricotta e decorate con ciligie candite, scorza d’arancia e pistacchi. Oppure, se lo preferite, potete decorare anche solo con cioccolato e pistacchio.

Ecco qui: la vostra Sfincia è pronta per essere assaggiata e per essere regalata per la festa del papà. Buon appetito, ci vediamo alla prossima ricetta