Vaccino Covid: le prime modifiche al piano somministrazioni del governo Draghi

Pubblicato il 9 Marzo 2021 alle 10:55 Autore: Guglielmo Sano
Vaccino Covid: le prime modifiche al piano somministrazioni del governo Draghi

Vaccino Covid: le prime modifiche al piano somministrazioni del governo Draghi

Vaccino Covid: superato il tetto delle 100mila morti, il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha dato qualche indicazione in più sulle modifiche che sta apportando al programma di somministrazione.

Vaccino Covid: priorità a persone fragili e categorie a rischio

Vaccino Covid: “la pandemia non è ancora sconfitta ma si intravede, con l’accelerazione del piano vaccini, una via d’uscita non lontana” ha detto il Presidente del Consiglio Mario Draghi in un videomessaggio trasmesso ieri, lunedì 8 marzo, quando in Italia si superavano i 100mila morti causa Covid. Nella stessa occasione, Draghi ha poi fornito alcune indicazioni su come il suo esecutivo intende velocizzare, appunto, la campagna di somministrazione: “Nel piano di vaccinazioni, che nei prossimi giorni sarà decisamente potenziato, si privilegeranno le persone più fragili e le categorie a rischio”.

Come sta già cambiando il piano vaccinale?

Vaccino Covid: Velocizzare la campagna vaccinale è uno degli obiettivi principali del Governo Draghi. Per raggiungere questo risultato il Presidente del Consiglio si sta muovendo in due direzioni: innanzitutto, ha cambiato i responsabili della gestione del programma di somministrazione. Il commissario straordinario all’emergenza Arcuri è stato sostituito dal Generale Figliuolo; avvicendamento anche ai vertici della Protezione Civile con la nomina di Fabrizio Curcio.

Entrambe le figure hanno il compito di centralizzare quanto più possibile le operazioni: in sostanza, riducendo il margine di manovra delle singole regioni, il cui operato – par di capire – è stato giudicato fin qui quantomeno insufficiente. In parallelo, al miglioramento della distribuzione, il piano Draghi prevede di consolidare le modalità di approvvigionamento: il recente blocco dell’esportazione del Vaccino Covid Astrazeneca prodotto in Italia verso l’Australia è un segnale in questo senso, in parallelo, l’esecutivo guidato dall’ex Presidente della BCE vorrebbe coinvolgere il settore farmaceutico nella produzione del composto direttamente sul territorio italiano.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →