Pensioni ultime notizie: Opzione Donna anche nel 2022, ecco per chi

Pubblicato il 25 Febbraio 2021 alle 07:30 Autore: Daniele Sforza
Donna riccia di spalle con pennarello mentre scrive su un cartone

Pensioni ultime notizie: Opzione Donna anche nel 2022, ecco per chi

Pensioni ultime notizie: la soluzione Opzione Donna è stata prorogata anche per quest’anno, ma come altre misure, come Ape Sociale e Quota 100, terminerà la sua esistenza il 31 dicembre 2021. Alla fine di quest’anno le strade saranno due: o un’ulteriore proroga, magari tramite una resa strutturale della misura, oppure la cancellazione definitiva. A ogni modo, anche nel caso in cui non dovesse arrivare la proroga, si potrebbe ancora sfruttare Opzione Donna. Ovviamente non tutte le lavoratrici potranno farlo: vediamo a chi spetta questa possibilità.

Pensioni ultime notizie: Opzione Donna, requisiti di accesso

Innanzitutto ricordiamo cos’è Opzione Donna e come si accede. La misura è una soluzione di pensione anticipata riservata alle lavoratrici dipendenti o autonome. Per accedere a questo tipo di pensionamento occorre avere raggiunto 58 anni di età (59 anni per le lavoratrici autonome) e 35 anni di contributi. Requisiti che devono essere stati raggiunti entro il 31 dicembre 2020. Al raggiungimento dei requisiti, le lavoratrici dovranno attendere una finestra annuale (12 mesi), mentre quelle autonome dovranno aspettare un po’ di più (18 mesi) prima dell’accesso alla misura di pensionamento anticipato. L’assegno per chi predilige questa opzione è calcolato interamente tramite metodo contributivo.

Opzione Donna 2022 anche senza proroga: per chi

Nel 2022, anche nel caso in cui Opzione Donna non dovesse essere rinnovata, alcune lavoratrici potranno comunque aver diritto all’accesso. Si tratta di tutte quelle lavoratrici che avranno cristallizzato il diritto. Cosa significa questo? Semplicemente che la lavoratrice che matura i requisiti può anche attendere prima di andare in pensione. Una volta che sono stati maturati i requisiti anagrafici e contributivi entro il 31 dicembre 2020, questi vengono praticamente “bloccati” e la lavoratrice potrà scegliere così di andare in pensione con Opzione Donna in un secondo momento, sfruttando proprio quei requisiti maturati in tempo.

Inoltre, una volta che la lavoratrice avrà deciso per il pensionamento, non dovrà più attendere la consueta finestra che abbiamo descritto sopra, a condizione che siano trascorsi i mesi relativi alla finestra stessa (12 per le dipendenti, 18 per le autonome). Passato questo lasso di tempo, la lavoratrice potrà andare in pensione anticipata con Opzione Donna nell’immediato, in quanto la tempistica della finestra decorre dalla maturazione dei requisiti.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →