Spostamenti tra regioni e lockdown Italia: ultime notizie sul piano Draghi

Pubblicato il 20 Febbraio 2021 alle 12:02 Autore: Guglielmo Sano
Zona arancione e zona gialla: quali regioni potrebbero cambiare colore

Spostamenti tra regioni e lockdown Italia: ultime notizie sul piano Draghi

Spostamenti tra regioni e, forse, un nuovo lockdown sul modello natalizio. Il Governo Draghi, entrato nel pieno delle sue funzioni da pochissimo è subito chiamato a prendere le prime importanti decisioni in merito alla gestione dell’epidemia (che sta rialzando la testa).

Spostamenti tra regioni: le ipotesi sul tavolo del Governo Draghi

Per quello che si sa al momento, non è stato ancora previsto alcun incontro ufficiale per decidere in merito alla ripresa degli spostamenti tra regioni. D’altra parte, il Governo Draghi, appena entrato nella pienezza dei suoi poteri, non potrà rimandare a lungo le decisioni sulla gestione dell’epidemia che, a riferirlo l’ultimo monitoraggio della Cabina di regia, sta decisamente rialzando la testa: a parte il rialzo dell’Indice Rt – che ormai sfiora quota 1 – preoccupa soprattutto la diffusione delle varianti.

L’ipotesi che sta prendendo più piede in queste ore è il prolungamento del blocco agli spostamenti tra regioni, in teoria scade il 25 febbraio, almeno fino al 5 marzo. In effetti, dalle indiscrezioni lasciate trapelare sulla stampa da Palazzo Chigi, ci sono poche possibilità rispetto alla ripresa della mobilità regionale.

Lockdown Italia: le fragilità del sistema “a colori”

Praticamente chiuso il capitolo dello spostamento tra regioni, sulla scrivania del Presidente del Consiglio anche la questione del sistema dei lockdown a differenti velocità, il cosiddetto sistema “a colori” (zona rossa, arancione, gialla a cui da poco si è aggiunta la bianca, mai sperimentata finora da nessun territorio).

Ora, sia il Consiglio dei ministri che le autorità locali con i Governatori in testa ritengono improponibile un lockdown totale e generalizzato come quello della scorsa primavera, d’altro canto, l’alternarsi tra zone più e meno restrittive sta creando non poche difficoltà logistiche nonché malumori nella popolazione. Di fronte alla ripresa dei contagi, quindi, potrebbe tornare in auge l’idea di una serrata meno rigida ma più omogenea, sull’esempio di quella sperimentata nel periodo natalizio. In pratica, tutta italia in zona arancione – di circa un mese dal 5 marzo in poi – con imposizione della zona rossa durante weekend, festivi e prefestivi.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →