Roberto Cingolani: partito politico, orientamento e chi è il nuovo ministro

Pubblicato il 16 Febbraio 2021 alle 15:26 Autore: Guglielmo Sano
Governo Draghi: oggi è il giorno della fiducia alla Camera. La Diretta

Roberto Cingolani: partito politico, orientamento e chi è il nuovo ministro

Roberto Cingolani è uno dei nuovi ministri, in quota “tecnici”, del Governo Draghi. Prenderà le redini del nuovo dicastero della Transizione ecologica fortemente voluto dal Movimento 5 Stelle. Uno sguardo al profilo e alla carriera del membro di punta dell’esecutivo guidato dall’ex Presidente della BCE.

Roberto Cingolani: tra Bari e Giappone

Roberto Cingolani è nato nel 1961 a Milano, insieme alla famiglia si trasferisce a Bari dove si conseguirà la laurea in Fisica nel 1985 e un dottorato nel 1988. Si perfezionerà alla Normale di Pisa prima di trasferirsi in Germania all’autorevole Società Max Planck sotto la direzione del Premio Nobel per la Fisica Klaus Von Klitzing. Stava per trasferirsi all’Università di Tokyo ma la prematura morte del padre lo costrinse al rientro in Italia: finirà comunque per insegnare nell’ateneo nipponico tra il 1997 e il 2000.

L’approdo a Leonardo

Cingolani ha anche insegnato negli Usa ma la sua carriera accademica è legata all’Università del Salento: ha avuto diversi incarichi tra il 1991 e il 2005, ricercato, associato e infine professore ordinario alla Facoltà di Ingegneria. Nel frattempo, ha anche fondato e diretto il Laboratorio di Nanotecnologie di Lecce. Cingolani è stato anche perito della Procura di Roma in alcuni importanti processi penali come quello sull’omicidio di Marta Russo o sul caso Unabomber. Da settembre 2019 è Chief Technology e Innovation Officer, in pratica responsabile dell’innovazione tecnologica, di Leonardo, società leader del settore difesa aerospaziale.

Membro della task force sulla Fase 2

Roberto Cingolani, prima di essere nominato a capo del Ministero della Transizione Ecologica, si era già accostato al mondo politico. Infatti, era stato scelto per far parte della task force che doveva dettare le linee guida della ripartenza dopo la prima ondata dell’epidemia guidata da Vittorio Colao, con cui adesso condivide un posto in CdM, ancora prima – nel 2019 – aveva partecipato alla Leopolda di esordio di Italia Viva, il partito di Renzi (con cui Cingolani è tuttora in ottimi rapporti).

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

Per commentare su questo argomento clicca qui!

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →