Governo ultime notizie: voto di fiducia, ecco i giorni decisivi

Pubblicato il 15 Febbraio 2021 alle 11:19 Autore: Guglielmo Sano
Governo Draghi: il Movimento 5 Stelle si spacca sulla fiducia. Cosa succederà?

Governo ultime notizie: voto di fiducia, ecco i giorni decisivi

Governo ultime notizie: ora che ha giurato, l’esecutivo guidato da Mario Draghi entra in carica per il disbrigo degli affari correnti. Per cominciare a operare nella pienezza dei suoi poteri, come tutti gli altri, deve prima sottoporsi (e superare) l’esame della fiducia. Quando sono previste le votazioni alla Camera e al Senato?

Governo ultime notizie: in settimana fiducia a Draghi

Governo ultime notizie: l’esecutivo Draghi, dopo il giuramento, è entrato in carica per l’ordinaria amministrazione. Come ogni altro esecutivo, entro 10 giorni dalla firma del decreto di nomina da parte del Presidente della Repubblica, dovrà ottenere la fiducia del Parlamento. In pratica, dovrà incassare la maggioranza sia alla Camera che al Senato: un passaggio fondamentale per avere i pieni poteri assegnatigli dalla Costituzione. Tornando all’esecutivo guidato da Mario Draghi, il primo voto di fiducia dovrebbe tenersi nella giornata di mercoledì 17 febbraio 2021 a Palazzo Madama: il nuovo Presidente del Consiglio terrà, come da prassi, un lungo discorso programmatico intorno alle 10.  Il giorno dopo, giovedì 18 febbraio 2021, la stessa procedura si svolgerà alla Camera.

Nessun problema sul fronte dei numeri

Governo ultime notizie: ovviamente, dato che il suo è un esecutivo di larghe, larghissime in realtà, intese, Mario Draghi non avrà problemi ad incassare la maggioranza sia a Montecitorio che a Palazzo Madama. Di fatto, l’ex Presidente della BCE può contare sui voti di due schieramenti opposti, quello formato da M5S-Pd-LeU e l’altro in cui oltre a Lega e Forza Italia si può annoverare anche Italia Viva. Fuori dalla coalizione soltanto Fratelli d’Italia (che conta 33 deputati e 19 senatori). Quindi, considerando anche delle eventuali defezioni tra i pentastellati e in Leu (la parte di Sinistra Italiana, a differenza di quella di Art.1 sembra orientata a passare all’opposizione), l’esecutivo di Draghi non dovrebbe incassare più di 50 voti contrari alla Camera e più di 30 voti contrari al Senato.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

Per commentare su questo argomento clicca qui!

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →