Didattica a distanza: regioni e dove saranno chiuse le scuole

Pubblicato il 10 Febbraio 2021 alle 08:30 Autore: Daniele Sforza
Matite colorate

Didattica a distanza: regioni e dove saranno chiuse le scuole

Con la didattica a distanza e le scuole chiuse i contagi si riducono a differenza di quello che accade con la scuola in presenza? Il dibattito è aperto e sono diverse le opinioni discordanti in merito. Molti esperti sono concordi nell’affermare che il ritorno nelle scuole provoca una rapida diffusione dei contagi: è anche il caso di quanto accaduto in certi Paesi esteri, dove nuove ondate hanno aumentato contagi e vittime.

Didattica a distanza: i casi Abruzzo e Alto Adige

In Abruzzo e in Alto Adige si ritorna alla didattica a distanza. Dato significativo, visto che l’Abruzzo è stata tra le prime Regioni a riaprire le superiori dopo le vacanze di Natale: per 14 giorni, però, si tornerà alla didattica a distanza al 100%. Anche in Alto Adige, subito dopo la befana, si era ritornati alla scuola in presenza. Da lunedì 8 e fino a fine febbraio, invece, si tornerà alla didattica a distanza. Giovedì 11 febbraio, torneranno in remoto anche le scuole elementari. Il rientro in classe si avrà probabilmente solo a partire da lunedì 22 febbraio, ma esclusivamente per le scuole elementari e medie.

Umbria e Molise: DaD in zona rossa. Campania e Calabria: si ragiona

In Campania si sta ragionando su un ritorno alla didattica a distanza, dopo che tra il 25 gennaio e il 4 febbraio sono stati rilevati 2.280 nuovi casi positivi solo nel mondo scolastico. L’Umbria sta vivendo una situazione critica a causa della variante brasiliana del coronavirus: qui sono sospese tutte le lezioni in presenza per le medie e le superiori e sospesi sono anche i servizi socioeducativi per la prima infanzia e quelli educativi delle scuole dell’infanzia. Zona rossa per 28 comuni del Molise: anche qui gli studenti delle superiori torneranno alla Dad. Infine in Calabria si parla di sospendere le lezioni in presenza per qualche settimana: per alcuni lo stop&go è il modo migliore per evitare una rapida diffusione del contagio, ma anche un nuovo lockdown totale che manderebbe al collasso l’intero sistema.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →