Licenza NCC, come ottenerla: quali sono gli gli step da seguire?

Pubblicato il 8 Febbraio 2021 alle 13:33 Autore: Claudio Garau
Bollo auto 2020 in scadenza da pagare entro settembre, le sanzioni

Licenza NCC, come ottenerla: quali sono gli gli step da seguire?

Il servizio NCC – noleggio con conducente – è solitamente definito alternativo al classico servizio TAXI. Ed in effetti è così: ha un’analoga regolamentazione, essendo anch’esso un servizio di trasporto pubblico di persone. Proprio come coloro che offrono il servizio TAXI, l’autista del servizio NCC può accedere alle ZTL, alle corsie preferenziali e può circolare anche nel caso di restrizioni del traffico. Ma per essere un autista che offre un servizio NCC, occorre conseguire la specifica licenza NCC. Come si fa? e quali sono i costi? Facciamo chiarezza.

Se ti interessa sapere a che cosa serve l’autovelox del rumore, clicca qui.

Licenza NCC: come funziona questo servizio?

Dobbiamo premettere un dettaglio importante, prima di vedere più da vicino la licenza NCC: l’amministrazione pubblica, per il tramite della motorizzazione, seleziona con accuratezza chi può svolgere questo lavoro, giacchè si tratta di un servizio pubblico non di linea. Pertanto, chi intende avviarsi ad una nuova attività di questo tipo, deve sapere con esattezza quali sono gli step da seguire per ottenere il certificato di abilitazione professionale per la guida dei veicoli.

Nelle grandi aree metropolitane o in aree di interesse turistico, non è raro imbattersi in automobili, bus o pulmini con le scritte “N.C.C.” oppure “NOLEGGIO”, collocate sul parabrezza oppure sul vetro posteriore. Inoltre, nella parte posteriore del veicolo, vicino alla targa, c’è un contrassegno – di solito a forma di scudetto – con la scritta N.C.C. e un numero.  La targhetta N.C.C., nella parte posteriore del mezzo, è mirata ad indicare il numero di Autorizzazione N.C.C., ed il Comune che l’ha emessa. Insomma, riconoscere un veicolo utilizzato per questo servizio, è molto facile.

Il servizio NCC consente di poter contare su un mezzo con un conducente destinato al trasporto di sole persone. Per ottenere questo servizio, l’interessato deve andare presso un’agenzia e domandare un mezzo NCC per un certo lasso di tempo. A differenza dei comuni TAXI, però, non c’è un tassametro a bordo di questi mezzi e con il servizio è noleggiato l’autista oltre al veicolo: infatti l’addetto starà con il cliente per tutta la durata del viaggio.

Inoltre, a differenza del tipico servizio TAXI, il servizio per il quale si ottiene la licenza NCC, prevede che autista e mezzo ritornino presso l’agenzia per lo stazionamento del mezzo, una sorta di autorimessa privata. Infatti, salvo deroghe, il mezzo NCC non può restare sul suolo pubblico.

Come si ottiene la licenza in oggetto? I requisiti

A questo punto, possiamo chiarire che la licenza NCC viene rilasciata dai Comuni, ma è lo Stato centrale che dà l’ok alla concessione di nuove licenze. Per ottenere la licenza NCC, l’interessato deve avere alcuni particolari requisiti obbligatori, ma anche presentare documenti appositi e superare un esame scritto. Vediamo in sintesi i requisiti:

  • età anagrafica tra i 21 e i 55 anni;
  • aver adempiuto agli obblighi scolastici;
  • avere la patente B;
  • non essere imputati o indagati in ambito di procedimenti penali.

Detti requisiti debbono concorrere tutti contemporaneamente, altrimenti non sarà possibile presentare la documentazione (con fotocopia della propria patente) per fare richiesta di licenza NCC.

Quale documentazione presentare? Il test scritto

Dobbiamo rimarcare che la licenza NCC è correlata al Certificato di abilitazione professionale (Cap): un’autorizzazione che – insieme alla patente B – consente di guidare taxi e autoveicoli NCC. La legge prevede due tipi di certificati di abilitazione diversi:

  • il Cap Ka è collegato alle patenti A1, A2 o A e serve per guidare i motocicli;
  • il Cap Kb è collegato alle patenti B1 o B e serve per guidare le vetture a quattro ruote.

Se ti interessa saperne di più sulla Rc auto e come bloccare l’assicurazione per un periodo, clicca qui.

Si può facilmente intuire, che l’interessato ad avere la licenza NCC, dovrà conseguire il Cap Kb, emesso dagli uffici della motorizzazione. Per averlo, sarà necessario presentare il modello TT 746-C all’ufficio della motorizzazione, o con il portale online apposito. Non solo, occorre anche allegare due versamenti da compiere sui c/c del Dipartimento dei trasporti terrestri: uno pari a 16,20 euro, sul c/c postale 9001, e l’altro pari a 16 euro, sul c/c postale 4028.

Presentati i documenti necessari, la motorizzazione registrerà la domanda e all’interessato non resterà che svolgere il test scritto – 20 domande in 30 minuti – che, se superato, darà diritto alla licenza NCC. Si tratta di una selezione non così semplice, giacchè il candidato dovrà studiare anche elementi tecnici relativi alla struttura del mezzo, manutenzione e riparazione. Concludendo, per superare la prova è ammesso un solo errore.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU GOOGLE NEWS

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a 
[email protected]

L'autore: Claudio Garau

Laureato in Legge presso l'Università degli Studi di Genova e con un background nel settore legale di vari enti e realtà locali. Ha altresì conseguito la qualifica di conciliatore civile. Esperto di tematiche giuridiche legate all'attualità, cura l'area Diritto per Termometro Politico.
    Tutti gli articoli di Claudio Garau →