Vaccino Sputnik V: efficacia e chi l’ha scoperto. La storia

Pubblicato il 4 Febbraio 2021 alle 08:00 Autore: Daniele Sforza
Vaccino Covid: Giorgetti incontra Farmindustria per produzione. Il punto

Vaccino Sputnik V: efficacia e chi l’ha scoperto. La storia

Il vaccino Sputnik V, di matrice russa, è a oggi il più efficace di tutti, visto che risulta di un’efficacia pari al 91,6% oltre ad avere un’alta tollerabilità. Questo vaccino è stato sviluppato da un prestigioso istituto di ricerca, il Gamaleya Research Institute, ed è stato finanziato tramite il fondo sovrano russo RDIF, per forte volere di Vladimir Putin.

Vaccino Sputnik V: si attende ok Ema

Molti Paesi hanno atteso dati ufficiali sull’efficacia di questo vaccino: dati che sono stati pubblicati di recente su Lancet. Molti esperti hanno infatti concordato sull’efficacia e la sicurezza del vaccino Sputnik V. Si attende l’ok dell’EMA, previa valutazione, per l’utilizzo in Europa, mentre in Russia il vaccino è ormai già una realtà consolidata, la popolazione si sta sottoponendo alle somministrazioni e, visto il tempo che deve trascorrere per funzionare (circa 18 giorni) si stanno vedendo i primi risultati con un discesa abbastanza costante, seppur ancora lieve, della curva dei contagi.

L’avvio con polemiche

Il vaccino è stato fortemente voluto da Putin, per avere un’indipendenza dai prodotti americani ed europei, ma anche per rilanciare un’immagine forte del Paese. Su questo antidoto ha lavorato l’Istituto di ricerca Gamaleya con la collaborazione del Ministero della Salute. Lo scorso 11 agosto il vaccino russo ha avuto l’ok mentre le fase tre sperimentale era ancora in corso e questo ha suscitato non poche polemiche, oltre a una naturale diffidenza da parte dei Paesi occidentali.

Dove è usato il vaccino Sputnik V

Il vaccino Sputnik V è già stato adottato da diversi Paesi e potrebbe dare man forte a quelli europei, che stanno subendo i ritardi dei vaccini americani. Oltre all’Ungheria, altri Paesi che hanno autorizzato l’uso del vaccino russo sono alcuni territori centro e sudamericani, come Messico, Argentina, Bolivia, Venezuela e Paraguay, Paesi africani come Algeria e Tunisia. In Europa l’autorizzazione all’uso è stata già data da Serbia, Bielorussia e Armenia. Altrove è stato dato l’ok in Iran, negli Emirati Arabi, in Palestina, in Turkmenistan, in Iran e in Repubblica di Guinea.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →