Invalidi civili: il nuovo servizio QR-Code semplifica la vita. Ecco come

Pubblicato il 27 Gennaio 2021 alle 11:25 Autore: Claudio Garau
pensioni ultime notizie qr code invalidità civile

Invalidi civili: il nuovo servizio QR-Code semplifica la vita. Ecco come

Recentemente l’INPS ha reso noto di aver rilasciato il nuovo servizio QR-Code, ossia una piccola rivoluzione tecnologica che intende aiutare tutti coloro che rientrano nella categoria degli invalidi civili.

In buona sostanza, detta novità consente, tramite la generazione di un codice di riconoscimento, di certificare lo status di invalido civile e, pertanto, il diritto di accesso a quelle agevolazioni e ai quei benefici riservati alle persone disabili, con velocità ed estrema praticità, fronteggiando così efficacemente l’handicap patito. Vediamo più nel dettaglio come funziona.

Se ti interessa saperne di più sul diritto all’oblio online, cos’è, come funziona e doveri, clicca qui.

Invalidi civili: cos’è il servizio QR-Code

In linea generale, un codice QR, sigla di Quick Response Code – ossia codice a risposta veloce – consiste in una matrice bidimensionale, o codice 2D, costituito da una serie di moduli neri inseriti dentro di uno schema a forma quadrata. Esso viene utilizzato in vari contesti e situazioni, al fine di memorizzare informazioni poi lette da dispositivi elettronici, come cellulari e smartphone.

Fughiamo subito ogni dubbio: il QR-Code dell’invalidità civile consiste, in buona sostanza, in un innovativo servizio dell’INPS che attesta lo status di invalido in modo immediato, dallo proprio smartphone o dal tablet, ossia tramite dispositivo collegato ad internet. E tutto ciò senza alcuna necessità di un verbale sanitario ad hoc. Insomma, uno step in meno per gli invalidi civili.

Per questa via le persone con disabilità o invalidi civili possono avvalersi delle agevolazioni e dei benefici, loro riservati dalla legge, in modo più semplice e veloce.

Come accennato, dal punto di vista tecnico, il QR-Code è un codice tecnologico, a matrice, capace di memorizzare informazioni leggibili e interpretabili da dispositivi mobili. In ogni caso, assicura dati ed informazioni sempre attendibili, giacchè è collegato all’interessato e al suo codice fiscale, e non – come detto – a un certo verbale. Inoltre, ed è sempre aggiornato a seguito di verbali definitivi di prima istanza, aggravamento, revisione, verifica straordinaria e autotutela.

Come ottenere il codice QR?

A questo punto la domanda è ovvia: come si fa ad avere un codice QR? Ebbene, gli invalidi civili non debbono compiere un iter complicato. Infatti, per generare il codice, è sufficiente connettersi al servizio web, denominato ‘Generazione QR-Code invalidi civili per attestazione status’, entrando nel portale dell’Istituto di previdenza, e facendo il login con le proprie credenziali.

Il servizio in oggetto crea in modo automatico ed in tempo reale il QR-Code, in formato pdf. Di seguito, il codice può essere stampato, spedito, salvato su qualsiasi dispositivo connesso al web e, soprattutto, può essere mostrato da parte degli invalidi civili – insieme al codice fiscale – laddove sia necessario per ottenere concretamente alle agevolazioni.

Se ti interessa saperne di più sulla carta di identità elettronica e accesso al fisco online, clicca qui.

In particolare, i gestori dei servizi, per verificare lo stato di invalidità civile, cecità civile, sorditàdisabilità o atro handicap, debbono compiere una facile operazione: leggere il citato codice QR attraverso un qualsiasi lettore di QR-Code, sulla scorta anche del codice fiscale degli invalidi civili.

Attenzione però: per l’attribuzione di alcune specifiche agevolazioni, che prevedano lo step obbligatorio del giudizio sanitario e del grado di invalidità civile con l’indicazione della percentuale, è possibile ottenere anche un controllo più preciso ed approfondito. Infatti, in dette circostanze, i gestori dei servizi devono inquadrare il QR-Code, autenticarsi con le proprie credenziali e immettere il codice OTP, che il meccanismo in automatico produrrà e spedirà sul numero di cellulare dell’interessato.

A chi è destinato e perchè è utile

Ricapitolando, l’applicazione che genererà il citato codice QR (Quick Response) con le informazioni sull’invalidità del richiedente, semplifica la vita agli invalidi civili perchè certifica lo status, senza bisogno di portare con sé e senza dover esibire l’ultimo verbale ricevuto.

In altre parole, tramite il solo QR code e il codice fiscale, gli invalidi civili possono accedere senza indugio alle agevolazioni e ai benefici assegnati dalla legge (per es. accessi preferenziali, sconti, sgravi fiscali, esenzioni, servizi di assistenza, ecc.), senza dover presentare l’intero verbale.

In conclusione, ricordiamo che il servizio in questione è destinato a tutti gli invalidi civili che abbiano un giudizio sanitario definitivo negli archivi Inps di invalidità civile. Inoltre, sul sito web dell’Istituto di previdenza è disponibile, per la consultazione, l’elenco delle agevolazioni e dei benefici che possono essere assegnati da Amministrazioni centrali e Amministrazioni di ambito locale.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU GOOGLE NEWS

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a 
[email protected]

L'autore: Claudio Garau

Laureato in Legge presso l'Università degli Studi di Genova e con un background nel settore legale di vari enti e realtà locali. Ha altresì conseguito la qualifica di conciliatore civile. Esperto di tematiche giuridiche legate all'attualità, cura l'area Diritto per Termometro Politico.
    Tutti gli articoli di Claudio Garau →