Quarto grado: anticipazioni e ospiti di stasera 22 novembre 2019 su Rete 4

Pubblicato il 22 Novembre 2019 alle 16:00 Autore: Maria Alfonsina Iemmino Pellegrino
Quarto grado: anticipazioni e ospiti di stasera 22 novembre 2019 su Rete 4

Nuovo appuntamento con Quarto Grado, programma condotto da Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero. Nel corso della puntata si affronteranno casi di cronaca nera, soffermandosi in particolar modo sull’omicidio del piccolo Lorys Stival e sul caso di Peppe Lucifora.

Lo chef Giuseppe Lucifora è stato ucciso nella sua abitazione, a Modica, lo scorso 10 novembre. L’accusa per omicidio è ai danni di due sospettati, i quali però continuano a dichiararsi innocenti. Non è chiaro, tuttora, quale potrebbe essere stato il movente del gesto ma, secondo gli inquirenti, potrebbe essersi trattato di un gioco finito inspiegabilmente in tragedia. Non si esclude, inoltre, che il recente coming out dello chef Lucifora, possa c’entrare qualcosa con la sua morte, ancora avvolta dal mistero.

Sciopero Torino 22 novembre 2019: orari, fasce garantite e motivi

L’omicidio Lorys Stival

Il 29 novembre 2014 il piccolo Lorys Stival venne ritrovato morto in un canale dopo che la madre, Veronica Panarello, aveva allertato le forze dell’ordine per la sua scomparsa. Dopo alcune settimane di indagini gli inquirenti scoprirono che a strangolare il piccolo e a gettare il suo corpicino in un canale era stata proprio la giovane madre.

Mancano pochi giorni all’anniversario della tragica morte del bambino e Gianluigi Nuzzi, in compagnia di Alessandra Viero, ripercorrerà l’intera vicenda, i lunghi processi ai danni di Veronica Panarello e le accuse mosse dalla donna nei confronti del suocero.

Ergastolo per Innocent Oseghale

Questa sera, venerdì 22 novembre, Quarto Grado tornerà infine ad occuparsi dell’omicidio di Pamela Mastropietro, nonché di Innocent Oseghale, il nigeriano accusato di aver ucciso la ragazzina con due coltellate e di aver cercato di far sparire il corpo.

La Corte d’Assise di Macerata ha reso pubbliche le motivazioni della Sentenza del maggio scorso con la quale Oseghale era stato condannato a scontare il Massimo della Pena.

L'autore: Maria Alfonsina Iemmino Pellegrino

Giovane dottoressa in Scienze della Comunicazione presso l'Università Degli Studi di Salerno. Lavoro come redattrice per Termometropolitico.it dal 2017. In redazione ho trovato terreno fertile per coltivare il mio immenso amore per la scrittura. Parole chiave: informare, trasmettere, creare.
    Tutti gli articoli di Maria Alfonsina Iemmino Pellegrino →