Inter, gennaio si avvicina: Giroud più che una suggestione

Pubblicato il 22 Novembre 2019 alle 13:44 Autore: Arturo Riccobono
Inter, gennaio si avvicina: Giroud più che una suggestione

Oliver Giroud sembra il nome giusto per rinforzare l’attacco dell’Inter. Il francese sarebbe il centravanti giusto su cui può contare Conte oltre a Romelu Lukaku. Il campione del mondo in carica sembra aver in mente di divorziare con il Chelsea, da cui si svincolerà il prossimo primo luglio.

LEGGI ANCHE: Il ritorno di Jose Mourinho. La nuova Londra come punto di ripartenza

Giroud verso la cessione

Il francese non è più felice nei blues, tanto da chiedere lui stesso di persona di essere ceduto, viste anche le sue poche presenze in Premier fino a questo momento, solo quattro. L’ex punta di Montpellier e Arsenal è un giocatore molto abile nel suo ruolo e di grande esperienza e punta ad andare ai prossimi Europei, motivo per il quale necessita di giocare con più continuità.

L’Inter è davvero interessata all’acquisto del giocatore, al quale vuole offrire un contratto della durata di diciotto mesi. Come riportato da La Gazzetta dello Sport, l’attaccante sembra essere in disaccordo in quanto desidererebbe un accordo fino al 2022. Un altro problema resta anche l’ingaggio: il 33enne al Chelsea percepisce 8 milioni di euro netti a stagione, mentre Marotta ha avanzato un’offerta che si attesta intorno ai 7 milioni .

Sulla sua cessione ha voluto esprimere anche la sua opinione il giornalista di Canal Plus Pierre Ménès dichiarando: “Giroud mi ha sorpreso in queste due partite: l’ho trovato pericoloso. Non ha segnato contro l’Albania, ma è stato decisivo con la Moldavia. Anch’io vorrei vedere altri giocatori e immagino che se Lacazette fosse stato avanti a lui nelle scelte, avrebbe segnato come lui: ma i fatti sono quelli e i gol pure. È evidente che la situazione attuale non può durare: se Giroud non cambia club a gennaio, sarà molto difficile portarlo agli Europei. Penso che cambierà club”.

L'autore: Arturo Riccobono

Nato il 27 Aprile del 1998 a Partinico. Studente di Scienze della Comunicazione per i media e le istituzioni.
    Tutti gli articoli di Arturo Riccobono →