Chelsea, la linea verde ora funziona. Crescita costante per i blues

Pubblicato il 20 Ottobre 2019 alle 17:15 Autore: Arturo Riccobono
Chelsea, la linea verde ora funziona. Crescita costante per i blues

Al contrario dei cugini del Tottenham, per il Chelsea è un periodo positivo e molti non si aspettavano questo rendimento visto il blocco del mercato che ha intralciato la loro estate. In aggiunta, l’abbandono di Eden Hazard – trasferitosi dopo sette lunghi anni al Real Madrid –, faceva presagire il peggio; ma tutto ciò sembra non influire sui primi passi del nuovo progetto dei Blues. Guidati dalla leggenda Frank Lampard, ora sono infatti considerati un fascino per questa Premier League.

LEGGI ANCHE: Manchester United-Liverpool: torna la rivalità più sentita d’Inghilterra

Il momento del Chelsea in Premier League

Lampard ieri ha ottenuto la terza vittoria consecutiva in Premier League, nella nona giornata di campionato, contro un Newcastle che lotta nella zona bassa della classifica, ma che comunque è stato capace di vincere in casa contro il Manchester United prima della sosta. Chelsea che ha ottenuto fin qui sei vittorie su nove in questo campionato, salendo in zona Champions League a pari punti con il Leicester – in attesa che giochi l’Arsenal – e lanciato all’inseguimento da lontano di Liverpool e Manchester City.

Settore giovani in ampia crescita

La Academy dei Blues si è fatta conoscere negli anni, soprattutto per i numerosi prestiti di giovani e giovanissimi in giro per l’Europa. Molti giocatori non sono mai ritornati dalle parti di Stamford Bridge, ma ora Lampard è riuscito a invertire questo andamento: sono Tammy Abraham e Mason Mount, ventuno e venti anni rispettivamente, ad essersi presi la scena in questo avvio di stagione. Da tenere d’occhio ovviamente anche il già noto Callum Hudson-Odoi, che di anni ne compirà diciannove a novembre.

Pedro da pedina importante a panchinaro

Il nuovo Chelsea, dando molto spazio ai giovani, sta tenendo ai margini del progetto giocatori del calibro di Oliver Giroud e Pedro. Quest’ultimo si è trovato dall’essere una pedina importante e titolare fisso, ad essere panchinaro e giocare pochissimo. La scorsa stagione, l’ex Barcellona si è rivelato particolarmente decisivo nella conquista dell’Europa League con Maurizio Sarri in panchina.

Per questo motivo, Pedro starebbe valutando di cambiare aria nella prossima finestra di mercato. Finora non ci sono ancora offerte da prendere in considerazione, ma lo spagnolo attenderà. E in Italia potrebbe finire nel mirino di Milan e Inter.

Lo stesso discorso va applicato per il centravanti francese, finito nel mirino proprio dell’Inter. Infine, da tenere d’occhio anche la situazione legata a Marcos Alonso: nonostante il gol vittoria arrivato proprio nella giornata di ieri, il laterale spagnolo non è sicuro di restare ancora molto a lungo.

L'autore: Arturo Riccobono

Nato il 27 Aprile del 1998 a Partinico. Studente di Scienze della Comunicazione per i media e le istituzioni.
    Tutti gli articoli di Arturo Riccobono →