Cambia il Calendario Vaccinazioni: immunità di gregge slitta a fine anno

Pubblicato il 25 Gennaio 2021 alle 11:50 Autore: Guglielmo Sano
Microscopio

Cambia il Calendario Vaccinazioni: immunità di gregge slitta a fine anno

Cambia il calendario vaccinazioni a seguito dei ritardi nella consegna da parte di Pfizer: il rallentamento delle spedizioni farà slittare anche il raggiungimento dell’immunità di gregge. Le ultime notizie sul programma di immunizzazione di massa.

Cambia il calendario vaccinazioni dopo i ritardi Pfizer

Cambia il calendario vaccinazioni a seguito delle problematiche legate alla consegna del composto: “le riduzioni di dosi comunicate da Pfizer e da Astrazeneca faranno slittare di circa quattro settimane i tempi previsti per la vaccinazione per il Covid degli over 80 e di circa 6-8 settimane per il resto della popolazione” ha detto in una recente intervista il viceministro della Salute Sileri. In questo momento la priorità, precisa sempre Sileri, è innanzitutto “effettuare il richiamo nei tempi previsti a coloro che hanno già ricevuto la prima somministrazione, cioè gli operatori sanitari”.

Da Pfizer si assicura che le spedizioni torneranno a regime già da inizio mese prossimo: l’azienda americana si è impegnata alla consegna di 470mila dosi a settimana (quasi 8.800.000 nel primo trimestre 2021). Le prime dosi del vaccino Astrazeneca dovrebbero arrivare il 15 febbraio: entro fine marzo l’azienda britannica dovrebbe consegnare 15 milioni di dosi all’Italia. Nel primo trimestre del 2021, Moderna dovrebbe inviare in Italia oltre 1.300.000 dosi.

L’immunità di gregge slitta a fine anno

È chiaro che rallentando il calendario vaccinazioni sarà ritardato anche il raggiungimento dell’immunità di gregge. “È evidente che se i vaccini non ci sono slitta di qualche settimana o mese” le parole in merito del ministro degli Affari regionali Francesco Boccia. Il programma di immunizzazione di massa prevedeva la somministrazione del vaccino anti-Covid ad almeno il 70% della popolazione italiana entro il mese di settembre 2021. Se i ritardi verranno assorbiti, come assicurato da Pfizer, nel corso delle prime due settimane di febbraio l’obiettivo, in effetti, sarebbe anche realistico: magari estendendo l’orario di somministrazione a 16 o 18 ore al giorno, come proposto dal sottosegretario alla Salute Sandra Zampa.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →