Governo ultime notizie: trattative per allargamento maggioranza. Il tempo stringe

Pubblicato il 22 Gennaio 2021 alle 11:24 Autore: Guglielmo Sano
Crisi di governo: consultazioni al Quirinale. Le posizioni dei partiti

Governo ultime notizie: trattative per allargamento maggioranza. Il tempo stringe

Governo ultime notizie: continuano le trattative con l’obiettivo di allargare la maggioranza. Sulla formazione di una “quarta gamba” a sostegno dell’esecutivo la tegola dell’inchiesta dell’antimafia di Catanzaro sul leader Udc Lorenzo Cesa. Intanto, il tempo stringe: la Commissione Ue aspetta il testo definitivo del Recovery Plan entro metà febbraio.

Governo ultime notizie: le trattative per l’allargamento della maggioranza

Governo ultime notizie: sulle trattative condotte dal Presidente del Consiglio Conte per allargare la maggioranza cade una nuova tegola. Infatti, l’apertura ai centristi rischia di bloccarsi dopo l’inchiesta della Direzione anti-mafia di Catanzaro in cui è stato coinvolto anche il leader dell’Udc Lorenzo Cesa. Come era facile aspettarsi, il Movimento 5 Stelle ha escluso patti con “soggetti indagati per reati gravi”. Intanto, però, Renzi sembra tornare a porgere un ramoscello di ulivo.

Da una parte, l’ex sindaco di Firenze si sarebbe convinto che andare all’opposizione sarebbe una scelta controproducente, dall’altra, pare essere convinto che se non ricomporrà la frattura verrà abbandonato da diversi parlamentari (una decina tra deputati e senatori sarebbero pronti a passare dalla parte di Conte). Alcuni analisti ritengono che l’assegnazione dei servizi segreti a Pietro Benassi (l’intelligence nelle mani di Conte è stato uno dei punti nodali della crisi) sia proprio un segnale inviato al fondatore di Italia Viva.

Il tempo per ricomporre la crisi sta per scadere

Governo ultime notizie: non è ancora tramontata l’ipotesi di trovare una cosiddetta “quarta gamba”, quindi, cioè un nuovo gruppo parlamentare formato da volenterosi, provenienti da Gruppo Misto, Italia Viva e opposizione, per sostenere l’esecutivo Conte. Tuttavia, a parte le difficoltà “politiche”, a ostacolare le trattative anche il tempo: le linee fondamentali del Piano italiano di ripresa e resilienza devono pervenire a Bruxelles entro metà febbraio (c’è tempo fino ad aprile per inviare tutti i dettagli). Solo se verrà rispettata questa scadenza il Recovery Fund potrà attivarsi rapidamente. Se la crisi dovesse prolungarsi, impedendo di rispettare le scadenze, gli aiuti dell’Ue arriverebbero con pesante ritardo.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

Per commentare su questo argomento clicca qui!

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →