Black out challenge su Tik Tok: cos’è e che rischi ci sono

Pubblicato il 22 Gennaio 2021 alle 08:00 Autore: Daniele Sforza
black out challenge su tik tok

Black out challenge su Tik Tok: cos’è e che rischi ci sono

I social network purtroppo sono spesso al centro delle cronache perché veicolo di messaggi di morte e intimazioni al suicidio o veicoli di diffusione di fenomeni di bullismo, che si ripercuotono ovviamente sulle vittime, ragazzi fragili, portati a gesti estremi. Ma a volte le sfide possono essere ridicole, viste dall’esterno, come la Black Out Challenge su Tik Tok, ovvero una prova di resistenza a un soffocamento estremo.

Il fatto di cronaca

Una bambina di Palermo di soli 10 anni ha preso la cintura di un accappatoio e se l’è legata al collo, seguendo le indicazioni di questa fantomatica sfida sul social. Solo che le cose non sono andate come pensava e i genitori l’hanno trovata in bagno, priva di sensi, con il cuore fermo per asfissia prolungata. I genitori l’hanno portata poi all’ospedale Di Cristina di Palermo. Il cuore ha ripreso a battere grazie alle manovre di rianimazione cardiopolmonare, ma l’elettroncefalogramma e i primi esami non hanno fornito segnali positivi, tant’è che la Tac encefalo a cui si è sottoposta “ha evidenziato una situazione di coma profondo da encefalopatia post anossica prolungata”, ha fatto sapere Salvatore Requirez, direttore sanitario dell’ospedale. “La bambina di 10 anni, sulla cui identità vige il massimo riserbo, è arrivata al pronto soccorso alle 21.04 di ieri, con mezzi propri, in arresto cardiorespiratorio di non precisabile durata temporale in quanto l’inizio è ricostruibile, con anamnesi indiretta, solo approssimativamente attraverso il racconto dei genitori”.

Anche il social network Tik Tok ha espresso la propria vicinanza alla famiglia della bimba, dichiarando che la sicurezza resta una delle sue principali priorità e che dà la più completa disponibilità a collaborare con le forze di giustizia.

Black out Challenge su Tik Tok: cos’è

L’obiettivo (assurdo) è quello di conseguire più like e follower possibile. Nell’era dell’immagine e dell’apparenza, questo è l’oro che i giovani agognano. E per averlo sarebbero disposti a fare di tutto: anche provare di soffocarsi. Tale è lo scopo della Black out Challenge: legarsi una cintura al collo fino a soffocare e provare a resistere il più a lungo possibile. Il tutto va ovviamente condiviso sui social, Instagram e soprattutto Tik Tok, per poi sfidare altri utenti. Insomma, è una sorta di Ice Bucket Challenge, solo che al posto del secchio d’acqua gelata c’è una cintura attorno al collo e al posto dello scopo benefico c’è la voglia narcisistica di avere apprezzamenti, like e seguaci.

Un gioco del genere, però, in giovani che ovviamente devono ancora fare tanta esperienza, fa breccia, e i rischi sono quelli che abbiamo elencato sopra, nel paragrafo che riguarda il fatto di cronaca appena narrato. Basta che un trend sia popolare, affinché i giovani vi si buttino senza pensarci troppo. Ed è così che la situazione sfugge di mano. La mancanza d’ossigeno al cervello, soprattutto se prolungata, può infatti procurare gravi conseguenze allo stesso e diversi utenti hanno subito dei danni irreparabili a causa di questa folle sfida social. La Black out Challenge è conosciuta anche come Hang Challenge o Hanging Challenge.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →