Bonus cashback 2021: si può fare reclamo con un modulo ad hoc. Le novità

Pubblicato il 19 Gennaio 2021 alle 12:46
Aggiornato il: 29 Gennaio 2021 alle 11:10
Autore: Claudio Garau
Rimborso cashback 2020 in arrivo, ecco quando arrivano i bonifici

Bonus cashback 2021: si può fare reclamo con un modulo ad hoc. Le novità

Il bonus cashback è stato un discreto successo, o almeno questo ci dicono i numeri dell’iniziativa varata prima con un piano sperimentale nello scorso dicembre e poi istituita in modo fisso a partire dal primo gennaio 2021. Infatti, milioni gli italiani che hanno già avuto diritto al primo rimborso dell’extra cashback di Natale, da versare il prossimo febbraio. Tuttavia, alcuni consumatori hanno segnalato alcuni problemi circa l’ottenimento del bonus cashback. Vediamo più da vicino.

Se ti interessa saperne di più sul bonus cashback per gli acquisti online, clicca qui.

Bonus cashback 2021 e malfunzionamenti: le parole dell’Adiconsum

Come appena anticipato, c’è stato qualche problema relativo al meccanismo di funzionamento del rimborso: infatti, non pochi utenti – nelle ultime settimane – hanno reso noto che non tutte le transazioni registrate dall’app IO – essenziale per ottenere il beneficio – sono state di fatto contabilizzate correttamente. Oppure succede che gli importi spesi non corrispondano a quelli poi indicati nel portafoglio operazioni dell’app IO.

Ecco allora la ferma volontà dell’associazione consumatori Adiconsum di intraprendere un tavolo di discussione con il governo proprio per creare un modulo ad hoc per i reclami, raccogliendo tutte le segnalazioni giunte dai privati, per tutelarsi contro malfunzionamenti del meccanismo di assegnazione del bonus in oggetto.

Il presidente Adiconsum Carlo De Masi, in un comunicato stampa ha peraltro dichiarato in modo molto chiaro che: “Il malfunzionamento del bonus cashback è un atto grave, perché non fa ottenere i rimborsi dovuti e soprattutto fa venire meno la fiducia dei consumatori nei confronti della trasformazione digitale in atto, non agevolando, di conseguenza, la ripresa economica del nostro Paese“.

Insomma, urgono misure per intervenire subito sui problemi tecnici accennati.

Come effettuare ricorso e tutelarsi?

Ovviamente, il cittadino consumatore va tutelato contro eventuali intoppi, malfunzionamenti o errori del meccanismo che assegna il bonus cashback 2021 per gli acquisti effettuati con mezzi di pagamento tracciabili.

Per quanto riguarda eventuali reclami contro rimborsi mancanti o parziali, l’interessato deve riferirsi a Consap S.p.A.

Pertanto, una volta ottenuto l’accredito del rimborso alla fine di ogni fase del bonus cashback 2021, in ipotesi in cui questo detto beneficio non fosse precisamente conforme agli acquisti compiuti, il consumatore potrà fare reclamo con un modulo ad hoc. Detto modulo sarà presto reso disponibile sul sito web della concessionaria dei servizi assicurativi pubblici.

Per completezza, ricordiamo di seguito quali sono i periodi di riferimento per il versamento dei rimborsi di cui al bonus cashback 2021:

  • febbraio 2021 per il periodo dell’Extra Cashback di Natale;
  • entro settembre 2021 per il 1° semestre bonus cashback a regime;
  • entro febbraio 2022 per il 2° semestre bonus cashback a regime;
  • entro settembre 2022 per il 3° semestre bonus cashback a regime.

Ci si potrebbe domandare quanto tempo occorrerà aspettare per poter fare reclamo contro eventuali intoppi nel meccanismo bonus cashback 2021. Ebbene, il modulo per il reclamo sarà disponibile contestualmente alla prima tranche di rimborsi. Insomma, non bisognerà attendere oltre il mese di febbraio 2021.

Se ti interessa saperne di più sui cattivi pagatori e come avviene la cancellazione dal registro, clicca qui.

Chiaramente, il reclamo sarà azionabile soltanto in ipotesi di mancato o parziale accredito dei rimborsi del bonus cashback. Sarà cura di Consap S.p.A. dare un riscontro con motivazione, rispetto all’istanza sollevata, entro 30 giorni dal giorno di ricevimento del reclamo. In caso di valutazione positiva, la Consap disporrà il pagamento dovuto, come richiesto dal consumatore ricorrente.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU GOOGLE NEWS

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a 
[email protected]

L'autore: Claudio Garau

Laureato in Legge presso l'Università degli Studi di Genova e con un background nel settore legale di vari enti e realtà locali. Ha altresì conseguito la qualifica di conciliatore civile. Esperto di tematiche giuridiche legate all'attualità, cura l'area Diritto per Termometro Politico.
    Tutti gli articoli di Claudio Garau →