Capodanno e San Silvestro in zona rossa: cosa si può e non si può fare

Pubblicato il 31 Dicembre 2020 alle 11:28 Autore: Guglielmo Sano

L’Italia torna in zona rossa per San Silvestro e Capodanno. Restrizioni più pesanti fino al 3 gennaio 2021. Cosa si può fare e cosa no

Capodanno e San Silvestro in zona rossa: cosa si può e non si può fare

Capodanno e San Silvestro in zona rossa: cosa si può e non si può fare

L’Italia torna in zona rossa per San Silvestro e Capodanno. Restrizioni più pesanti in vigore fino al 3 gennaio 2021. Cosa si può fare e cosa non si può fare da oggi in poi? Un riepilogo delle regole anti-contagio.

Capodanno e San Silvestro in zona rossa

Dal 31 dicembre 2020 al 3 gennaio 2021, l’Italia sarà in zona rossa: il paese si appresta a vivere un San Silvestro e poi un Capodanno in modo molto diverso dal solito. Niente cenoni e veglioni, feste nelle piazze e locali aperti per tutta la notte. Infatti, in base Decreto governativo del 18 dicembre:

  • alle 22 scatterà il coprifuoco che durerà fino alle 7 dell’1 gennaio 2021
  • vietato ogni spostamento, sia all’interno del comune che tra una regione e l’altra se non per comprovate esigenze. D’altra parte, è consentito recarsi in una sola abitazione privata (si può andare sia da amici che da parenti), una sola volta al giorno, in massimo due persone (senza includere nel conteggio disabili e under 14).
  • Permesso anche recarsi nella propria seconda casa, entro i limiti orari del coprifuoco, a patto che non si trovi in un’altra regione.
  • Chiuse tutte le attività commerciali tranne quelle strettamente necessarie come alimentari, farmacie, edicole, tabacchi, barbieri. Ristoranti, pizzerie, pasticcerie e così via possono effettuare solo consegne a domicilio (senza limiti di orario) mentre l’asporto è consentito fino alle 22. Il consumo sul posto, presso bar, pub e simili è tassativamente vietato.
  • San Silvestro e Capodanno: le messe saranno celebrate entro i termini previsti dal coprifuoco

Le sanzioni previste

Capodanno e San Silvestro in zona rossa: in caso di violazione delle regole, per i trasgressori è prevista una sanzione amministrativa di importo variabile tra i 400 e i 1.000 euro. La multa può aumentare anche di un terzo se la violazione avviene a bordo di un veicolo.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →