Zona arancione: cosa si può fare dal 28 al 30 dicembre 2020

Pubblicato il 28 Dicembre 2020 alle 08:00 Autore: Daniele Sforza
zona arancione

Zona arancione: cosa si può fare dal 28 al 30 dicembre 2020

Dopo i giorni rossi delle feste, l’Italia si ritinge e cambia colore: da lunedì 28 a mercoledì 30 dicembre, infatti, l’Italia sarà interamente zona arancione. Colore che riprenderà lunedì 4 gennaio. Cosa prevede il regolamento che vige alla base della zona arancione, cosa si può fare e quali sono i divieti e le cose consentite?

Spostamenti in zona arancione: quali sono permessi

Per ragioni di lavoro, necessità e salute gli spostamenti sono sempre consentiti. È possibile anche fare ritorno alla propria residenza, al proprio domicilio o abitazione. Ci si può spostare anche se si deve prestare assistenza a genitori non autosufficienti, o visitare i figli (per genitori separati). Inoltre ci si potrà spostare liberamente all’interno del proprio Comune, anche per una passeggiata, rispettando sempre le misure di sicurezza (distanziamento sociale, mascherina) e il coprifuoco (valido dalle ore 22 alle ore 5). Tra le 5 e le 22, quindi, non si deve portare con sé l’autocertificazione, a meno che non ci si sposti da un Comune all’altro o da una Regione all’altro, e sempre ed esclusivamente solo per le ragioni sopraccitate. Ci si potrà però spostare tra Comuni con popolazione non superiore a 5000 abitanti e a una distanza di 30 chilometri (esclusi i capoluoghi di provincia).

Negozi, bar e ristoranti

I negozi resteranno aperti fino alle ore 21. Anche bar, ristoranti, pasticcerie, gelaterie e pub saranno aperti, ma non potranno esserci consumazioni sul posto. Fino alle ore 22 è possibile ordinare cibo da asporto, mentre per quanto riguarda la consegna a domicilio non sono previsti limiti di orario.

Cos’altro è consentito durante i giorni della zona arancione

È possibile andare in chiesa dalle ore 5 alle ore 22, così come assistere a funzioni religiose, o spostarsi tra aree territoriali differenti per partecipare a funerali di parenti stretti e di un unico parente rimasto. Inoltre, per tutto il periodo delle feste, è possibile recarsi nelle seconde case.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →