Bonus cashback: le risorse stanziate potrebbero non coprire tutti i rimborsi

Pubblicato il 24 Dicembre 2020 alle 12:33 Autore: Guglielmo Sano

Bonus Cashback: le risorse stanziate per l’incentivo basteranno per coprire i rimborsi che sono fissati fino a un massimo di 150 euro?

Bonus cashback: le risorse stanziate potrebbero non coprire tutti i rimborsi

Bonus cashback: le risorse stanziate potrebbero non coprire tutti i rimborsi

Bonus Cashback: le risorse stanziate per l’incentivo basteranno per coprire i rimborsi che sono fissati fino a un massimo di 150 euro se si compiono almeno 10 transazioni con carta o bancomat presso negozi fisici entro il 31 dicembre?

Bonus cashback: rimborsi di massimo 43 euro

Diverse testate giornalistiche hanno evidenziato delle criticità a proposito del Bonus cashback: le problematiche legate al funzionamento dell’AppIo, per esempio, ma anche il presunto legame con lo shopping natalizio e i conseguenti assembramenti. Tuttavia, la misura sembra essere piaciuta molto agi italiani, soprattutto nella versione sperimentale dell’Extra cashback di Natale: infatti, prima che entrino a regime le regole definitive a partire da gennaio 2021, per usufruire dei rimborsi basterà compiere 10 transazioni con moneta elettronica presso negozi fisici entro il 31 dicembre. Per le spese sostenute a quel punto (con accrediti diretti entro febbraio a quanto pare) dovrebbe tornare indietro un massimo di 150 euro. Ma sarà davvero così?

Accumulato finora un rimborso medio di 7 euro

Sky Tg24 che è stato tra i primi organi di stampa a evidenziare l’esiguità delle risorse stanziate per il Bonus cashback se tutti i potenziali beneficiari maturassero il diritto a ricevere il rimborso massimo ha calcolato che ai consumatori italiani non si riusciranno a restituire più di 43 euro. Per entrare nei dettagli: al programma di rimborsi si sono iscritti 5,3 milioni di italiani (un numero che sembra destinato ad aumentare tra l’altro), i fondi dell’Extra cashback di Natale però non superano i 228 milioni. Da qui, la cifra di prima; massimo 43 euro in media per ciascun iscritto. Il decreto che istituisce l’incentivo, d’altra parte, prevede (articolo 11) che se si dovesse sforare il tetto di risorse si abbasserà la percentuale di rimborso (in teoria posta al 10%).

I soldi non mancheranno neanche con i conti in rosso

Detto ciò, dal governo si rassicura: al 21 dicembre “solo” 37 milioni di euro da erogare, per un rimborso medio a persona di 7 euro. In ogni caso, è sempre l’esecutivo ad assicurarlo, i soldi non mancheranno anche con i conti eventualmente in rosso: anche se l’ipotesi – almeno ufficialmente – non è mai stata presa in considerazione, da sottolineare che basterebbe una modifica al decreto per spostare le risorse del Bonus cashback per il 2021 e il 2022 all’Extra cashback di Natale.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →