Sondaggi elettorali, un confronto: i minority report degli istituti al 5 dicembre 2020

Pubblicato il 7 Dicembre 2020 alle 18:50 Autore: Gianni Balduzzi
sondaggi elettorali


Sondaggi elettorali, un confronto: i minority report degli istituti al 5 dicembre 2020

Diamo puntualmente conto dei sondaggi elettorali che ogni settimana i vari istituti producono. Lo facciamo confrontando le tendenze ed i numeri dei singoli studi. Così ognuno può verificare il valore dei partiti osservando come cambia la percentuale da una rilevazione all’altra.

In questa rubrica ogni settimana cerchiamo di tracciare l’andamento dei sondaggi elettorali che si distaccano dagli altri per vedere successivamente chi ci ha visto giusto e anche per cercare di comprendere quali istituti fiutano, prima degli altri, i cambiamenti di umore dell’elettorato.

Sondaggi elettorali, per il TP la Lega ritorna al 25,8%

Questa settimana è stata caratterizzata da una crescita del centrodestra, che come spesso accade si è tradotta in una maggiore variabilità dei sondaggi sul partito di maggioranza relativa, la Lega. Anche se certamente inferiore rispetto a quando superava il 35%.

Il Termometro Politico si distingue come minority report della settimana attribuendo al partito di Salvini il 25,8%, con un recupero deciso rispetto agli ultimi tempi. Dall’altra parte nelle ultime due settimane spicca il 23% di Tecnè

ultimi sondaggi elettorali tp, intenzioni voto
Fonte: Termometro Politico

Su Fratelli d’Italia pure vi è una certa discrepanza, maggiore di quella dei mesi scorsi, tra i vari sondaggi elettorali. Da un lato Demoskopea vede il partito di Meloni al 17,5%, dall’altro Ipsos lo stima al 15,5%

Ma è Forza Italia che come altre volte ha più oscillazioni, nonostante appaia in media stabile da molto tempo. Questo perchè secondo Tecnè potrebbe avere fino all’8,2%, mentre per Termometro Politico si ferma al 6,1%

Su Azione, sempre rimanendo nell’opposizione, vi è invece una omogeneità abbastanza diffusa. Dal 3% di Ipsos va al 3,6% di EMG, ma si tratta di differenze relativamente limitate e inferiori a quelle precedenti

Maggiori le discrepanze su +Europa, che per Demoskopea arriva al 3,5%, mentre per Noto vale solo l’1%

Sondaggi elettorali, i minority report dei partiti di maggioranza

Il PD attraversa un periodo di stanca secondo i sondaggi elettorali degli istituti. Torna a distinguersi SWG che lo vede sotto il 20%, al 19,8%, ma le differenze con gli altri sondaggisti non sono enorme. Dall’altro lato non si va oltre il 21% di Noto

sondaggi
Fonte: SWG

Piuttosto limitate rispetto ad altre occasioni le oscillazioni sul Movimento 5 Stelle, che non va oltre il 15% di SWG e Ipsos, ma neanche al di sotto del 14% di EMG e Noto.

Anzi, sono maggiori le discrepanze intorno a Italia Viva, con cui come al solito EMG è più generosa dandogli il 4,3%, mentre per Ipsos non supererebbe il 2,8%

Tra il 2% di Noto e il 3,4% di SWG e Tecnè invece Sinistra/LeU

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

Per commentare su questo argomento clicca qui!

L'autore: Gianni Balduzzi

Editorialista di Termometro Politico, esperto e appassionato di economia, cattolico- liberale, da sempre appassionato di politica ma senza mai prenderla troppo seriamente. "Mai troppo zelo", diceva il grande Talleyrand. Su Twitter è @Iannis2003
Tutti gli articoli di Gianni Balduzzi →