Chi può vedere i congiunti in zona rossa, arancione e gialla?

Pubblicato il 6 Novembre 2020 alle 11:58 Autore: Guglielmo Sano

Cosa prevede il nuovo Dpcm per le visite ai congiunti? Le regole cambiano in base alla zona – gialla, arancione e rossa – in cui ci si trova?

Chi può vedere i congiunti in zona rossa, arancione e gialla?

Chi può vedere i congiunti in zona rossa, arancione e gialla?

Cosa prevede il nuovo Dpcm in merito alle visite ai congiunti? Le regole cambiano a seconda della zona – gialla, arancione e rossa – in cui ci si trova? Di seguito qualche precisazione sulle regole da osservare nel caso ci si debba spostare per vedere i propri cari.

Coronavirus ultime notizie: bollettino 5 novembre 2020, contagi e morti

Congiunti: le regole della zona gialla

Il Nuovo Dpcm ha diviso le regioni italiane in tre distinte zone: il colore cambia a seconda del livello di rischio connesso alla diffusione del nuovo coronavirus. La zona gialla è quella dove sono state imposte le regole meno rigide: rientrano in questa zona Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Toscana, Emilia Romagna, Umbria, Sardegna, Lazio, Marche, Molise, Abruzzo, Campania e Basilicata.

In queste regioni, quindi, è possibile spostarsi da un comune all’altro, inoltre, è possibile spostarsi da una regione gialla ad un’altra: ciò significa che è possibile andare a trovare i propri congiunti durante tutto l’arco della giornata fino allo scattare del coprifuoco. Infatti, anche in queste regioni è stato imposto il divieto di circolazione notturno, dalle 22 alle 5: in pratica, in tale fascia oraria gli spostamenti sono consentiti solo per motivazioni urgenti e necessarie (tra queste anche il ritorno presso il proprio domicilio).

Le regole della zona arancione

Nella zona arancione – Puglia e Sicilia – la questione dei congiunti è già più complicata: si può circolare liberamente all’interno del proprio comune (fino alle 22) ma non ci si può allontanare dal territorio comunale così come da quello regionale, a qualsiasi orario, se non per motivi urgenti. Dunque, se la visita a un congiunto – al di fuori del territorio comunale o regionale – non ha carattere di urgenza è di fatto vietata.

Le regole nella zona rossa

Infine, nella zona rossa – Lombardia, Piemonte, Valle D’Aosta e Calabria – non ci si può allontanare dal proprio domicilio o abitazione, a qualsiasi ora del giorno, se non per motivazioni di carattere urgente e improrogabile. Anche qui, a maggior ragione che nella zona arancione, se la visita a un congiunto non ha carattere di urgenza è di fatto vietata.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →