Rimborso Italo coronavirus: treni fermi a novembre. Cosa fare

Pubblicato il 5 Novembre 2020 alle 16:42 Autore: Guglielmo Sano

Rimborso Italo: l’azienda sceglie di sospendere la maggior parte delle tratte. Ci sono novità sul fronte dei voucher emessi causa epidemia?

Italo e Trenitalia: l’Antitrust apre inchiesta sul prezzo dei biglietti

Rimborso Italo coronavirus: treni fermi a novembre. Cosa fare

Rimborso Italo: l’azienda sceglie di sospendere la maggior parte delle tratte in vista dell’entrata in vigore delle regole previste dal nuovo Dpcm. Ci sono novità sul fronte dei voucher emessi a seguito dello scoppio dell’epidemia?

Rimborso Italo: cosa dice l’azienda?

Rimborso Italo: nella pagina dell’assistenza clienti dedicata alle modalità di richiesta, l’ultimo aggiornamento risale a inizio giugno scorso, si legge che:

  • “tutti i passeggeri interessati dalla rimodulazione dell’offerta, ovvero in possesso di un biglietto su treni cancellati, per emergenza sanitaria potranno richiedere il rimborso” possono fare richiesta di risarcimento direttamente attraverso il sito web dell’azienda “accedendo al form Reclami nella sezione Assistenza disponibile al seguente link www.italotreno.it/rimborsoemergenza (disponibile solo da sito desktop). Nel form sarà necessario selezionare la Categoria “Rimborso per emergenza sanitaria 2020”. Attenzione: in caso di richiesta per più viaggi o per viaggi andata e ritorno sullo stesso codice biglietto, è necessario fare una richiesta per ogni viaggio indicando il relativo numero di treno”.

Estensione e monetizzazione dei Voucher

Rimborso Italo: in un messaggio di inizio settembre, d’altra parte, l’azienda di trasporti ha precisato alcune modifiche alla sua politica di risarcimento.

  • In merito a “tutti i voucher già emessi a fronte dell’emergenza epidemiologica da Covid 19 per viaggi da effettuarsi a partire dal 2 marzo 2020 e con validità iniziale di 12 mesi saranno prorogati di ulteriori 6 mesi (raggiungendo così una validità complessiva di 18 mesi). Detta proroga avverrà, alla data di scadenza dei primi 12 mesi, tramite emissione di un secondo voucher di importo corrispondente al valore non ancora utilizzato a detta data”.
  • Inoltre, “alla scadenza dei 12 mesi oppure alla scadenza dei 18 mesi a decorrere dalla data di emissione dei voucher, sarà possibile richiedere il rimborso monetario del valore dei voucher ancora non utilizzato a detta data”.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →