Bonus 1000 euro maggio senza domanda: a chi spetta e chi deve inviarla

Pubblicato il 22 Giugno 2020 alle 20:39
Aggiornato il: 24 Giugno 2020 alle 23:24
Autore: Giuseppe Spadaro

Bonus 1000 euro. Ricapitoliamo in cosa consiste, a chi spetta il bonus. Chi è tenuto a presentare la domanda e chi invece può anche non presentarla.

Banconote e monete in euro
Bonus 1000 euro maggio senza domanda: a chi spetta e chi deve inviarla

Bonus 1000 euro maggio senza domanda: a chi spetta e come evitarla

In altri nostri articoli abbiamo parlato del bonus 1000 euro introdotto dal Governo come misura di sostegno economico ai lavoratori che hanno subito conseguenze negative a causa del coronavirus. La misura è oggetto dell’articolo 84 del Decreto Rilancio (qui il link alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale) “nuove indennità per i lavoratori danneggiati dall’emergenza epidemiologica da COVID 19”.

Bonus 1000 euro maggio, le distinzioni

Chi ha già ricevuto il bonus di 600 euro avrà in automatico il bonus di 1000 euro: la regola è valida per tutti tranne per coloro che hanno la partita IVA e sono iscritti alla Gestione separata Inps. In questo caso va presentata la domanda e serve dichiarare la riduzione di almeno il 33% del reddito nel secondo bimestre 2020 rispetto al 2019. Infatti i liberi professionisti titolari di partita IVA e iscritti alla gestione separata INPS, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, che abbiano subito comprovate perdite (riduzione di almeno il 33% del reddito del secondo bimestre 2020 rispetto a quello del secondo bimestre 2019), è riconosciuta una indennità per il mese di maggio 2020 pari a 1000 euro ma a tal fine il soggetto deve presentare all’Inps la domanda nella quale autocertificare il possesso dei requisiti. Riceveranno senza dover presentare la domanda il bonus i Liberi professionisti e ai collaboratori coordinati continuativi (co.co.co) già beneficiari dell’indennità pari a 600 euro. I lavoratori titolari di rapporti di co.co.co. iscritti alla gestione separata INPS non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie ed i lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali già beneficiari dell’indennità pari a 600 euro La medesima indennità è riconosciuta ai lavoratori in somministrazione, impiegati presso imprese utilizzatrici operanti nei medesimi settori, che abbiano cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020, non titolari di pensione, né di rapporto di lavoro dipendente, né di NASPI, alla data di entrata in vigore della presente disposizione.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Giuseppe Spadaro

Direttore Responsabile di Termometro Politico. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti (Tessera n. 149305) Nato a Barletta, mi sono laureato in Comunicazione Politica e Sociale presso l'Università degli Studi di Milano. Da sempre interessato ai temi sociali e politici ho trasformato la mia passione per la scrittura (e la lettura) nel mio mestiere che coltivo insieme all'amore per il mare e alla musica.
Tutti gli articoli di Giuseppe Spadaro →