Ian Holm è morto: malattia e causa morte. La carriera di “Bilbo Baggins”

Pubblicato il 19 Giugno 2020 alle 18:22
Aggiornato il: 24 Giugno 2020 alle 23:25
Autore: Giuseppe Spadaro

L’attore britannico Ian Holm nato nel 1931 è morto. Celebri molte sue interpretazioni: è stato “Bilbo Baggins” ne Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit.

morto
Ian Holm è morto: malattia e causa morte. La carriera di “Bilbo Baggins”

È morto a Londra l’attore inglese Ian Holm: nella sua lunghissima carriera – l’attore era nato nel 1931 – ha interpretato moltissimi ruoli tra cui Bilbo Baggins nelle trilogie Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit.

Ian Holm, malattia e causa morte

Secondo quanto riferito da alcuni media britannici la morte sarebbe stata la conseguenza di una malattia legata al Parkinson. Nel 2001 aveva superato un altro grave problema di salute guarendo da un cancro alla prostata. Nato a Goomayes da genitori scozzesi Ian Holm era figlio di uno psichiatra, si è trasferito a Londra dove ha coltivato la passione per il teatro. Si è diplomato nel 1954 presso la London’s Royal Academy of Dramatic Art iniziando a collaborare, subito dopo, con la Royal Shakespeare Company. Dal teatro al cinema ha recitato in moltissimi film

La carriera

Fra le sue più grandi interpretazioni va citata quella nel ruolo di Sam Mussabini nel film “Momenti di gloria” (1981) grazie alla quale ottenne la nomination all’Oscar come miglior attore non protagonista. Nel 1998 la Regina Elisabetta II gli ha conferito il titolo di baronetto per meriti artistici

Tra i primi e principali ruoli nella sua carriera c’è stata la sua partecipazione del film Alien (1979). E altrettanto importante è stata la sua interpretazione di Bilbo Baggins nelle trilogie de Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit. Insieme al già citato Alien Ian Holm ha lavorato a molti altri film e opere: Brazil (1985), Ballando con uno sconosciuto (1985), Enrico V (1989) e Frankenstein di Mary Shelley (1994), Amleto (1990), Il pasto nudo (1990), La pazzia di Re Giorgio (1994), Il quinto elemento (1997), Il dolce domani (1997). Tantissimi i registi con cui ha lavorato. Solo per fare qualche nome citiamo: Zeffirelli, Soderbergh, Branagh, Attenborough, Terry Gilliam, Atom Egoyan, Mike Newell, Woody Allen, Cronenberg, Luc Besson (qui un nostro articolo sul film Lucy diretto da Luc Besson).

L’attore si è sposato 4 volte e lascia 5 figli.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Giuseppe Spadaro

Direttore Responsabile di Termometro Politico. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti (Tessera n. 149305) Nato a Barletta, mi sono laureato in Comunicazione Politica e Sociale presso l'Università degli Studi di Milano. Da sempre interessato ai temi sociali e politici ho trasformato la mia passione per la scrittura (e la lettura) nel mio mestiere che coltivo insieme all'amore per il mare e alla musica.
Tutti gli articoli di Giuseppe Spadaro →