Pensioni ultima ora: Quota 100 vergognosa, fa male al paese. Renzi attacca

Pubblicato il 16 Giugno 2020 alle 18:41
Aggiornato il: 24 Giugno 2020 alle 23:27
Autore: Giuseppe Spadaro

Pensioni ultima ora: nuovo attacco del fondatore di Italia Viva che ha ribadito la posizione fortemente contraria a Quota 100 e Reddito di Cittadinanza.

Matteo Renzi durante un evento pubblico in piedi e con le braccia allargate
Pensioni ultima ora: Quota 100 vergognosa, fa male al paese. Renzi attacca

Pensioni ultima ora: la riforma previdenziale è tra le azioni che il governo ha annunciato di voler promuovere. Probabilmente per farlo dovrà prima superare la fase post-coronavirus e tutto ciò che l’emergenza sanitaria (un nostro articolo con le ultime notizie sui contagi in Lombardia) sta comportando e comporterà sul piano economico. In attesa di una nuova e strutturale riforma spesso il dibattito si concentra su Quota 100 e sulla necessità di maggiore flessibilità come richiesto a gran voce dai sindacati.

Pensioni ultima ora, la posizione di Renzi da sempre contrario a Quota 100

Con Quota 100 si indica la misura di pensione anticipata approvata col Decreto n. 4/2019 dal governo Conte I sostenuto da Movimento 5 Stelle e Lega. Una misura temporanea che resterà in vigore sino al 31 dicembre 2021 e dopo la quale i lavoratori torneranno a fare riferimento alle regole della riforma Fornero. Con Quota 100 è possibile andare in pensione con 62 anni di età e 38 anni di contributi versati.

Da sempre e già prima della sua approvazione Quota 100 ha diviso l’opinione pubblica tra favorevoli e contrari. Tra i più accesi “contestatori” della misura l’ex ministro Elsa Fornero ed il fondatore di Italia Viva Matteo Renzi. Proprio Renzi ha chiesto anche negli ultimi mesi alla maggioranza del governo Conte II, in carica col sostegno di Movimento 5 Stelle, Pd, LeU e la stessa Italia Viva, di abrogare Quota 100 prima della sua scadenza prevista nel 2021 destinando le risorse ad altre voci di spesa. Una decisione respinta dalla maggioranza giallo-rossa.

Renzi: Quota 100 e Reddito di cittadinanza fanno male al Paese

Pensioni ultima ora -. Ospite in collegamento con la trasmissione in onda su Radio Capital “Circo Massimo” l’ex premier Renzi ha espresso un giudizio su Matteo Salvini tirando in ballo nuovamente Quota 100. “Salvini avrebbe fatto peggio di questo Governo, avrebbe fatto il Bolsonaro de noantri. Ma quota 100 e reddito di cittadinanza sono cose vergognose che fanno male al Paese le hanno votate M5s e Lega”.

Allargando il campo Renzi al tema Covid-19 ha anche affermato: “Per me la cosa fondamentale oggi non è capire quali sono stati gli errori, ma riaprire le scuole a settembre avendo delle scuole che siano in grado di accogliere i ragazzi. Noi dovremo essere prudenti e attenti al rischio della seconda ondata, ma dobbiamo capire che questo Paese non può chiudere le scuole prima delle stazioni sciistiche e riaprirle dopo le discoteche. La didattica a distanza non basta. I prof ci stanno mettendo l’anima ma bisogna dire che non è la stessa cosa. La scuola è comunità, non solo nozioni. Non puoi riaprire tutto e tenere le scuole chiuse. Lo dissi poco prima di Pasqua ma mi son preso gli insulti di mezzo mondo”.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Giuseppe Spadaro

Direttore Responsabile di Termometro Politico. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti (Tessera n. 149305) Nato a Barletta, mi sono laureato in Comunicazione Politica e Sociale presso l'Università degli Studi di Milano. Da sempre interessato ai temi sociali e politici ho trasformato la mia passione per la scrittura (e la lettura) nel mio mestiere che coltivo insieme all'amore per il mare e alla musica.
Tutti gli articoli di Giuseppe Spadaro →