Sondaggi elettorali Noto: una lista Conte otterrebbe il 16% dei consensi

Pubblicato il 12 Giugno 2020 alle 10:28
Aggiornato il: 28 Giugno 2020 alle 22:24
Autore: Andrea Turco

Nel caso in cui il premier fondasse un partito, Pd e e M5S crollerebbero rispettivamente al 12% e al 9%. A sostenerlo i sondaggi elettorali Noto

ultimi sondaggi, sondaggio, sondaggi noto, sondaggi politici noto, sondaggi elettorali noto
Sondaggi elettorali Noto: una lista Conte otterrebbe il 16% dei consensi

Una lista Conte otterrebbe il 16% dei consensi e farebbe crollare Pd e Movimento 5 Stelle rispettivamente al 12% e al 9%. I primi vedrebbero evaporare il 7,5% di consensi, i secondi il 7%. È questa la stima elaborata dai sondaggi elettorali Noto per Porta a Porta durante la puntata dell’11 giugno. Un partito contiano rappresenterebbe più un problema per la compagine giallo rossa che per il centrodestra. La Lega, infatti, non subirebbe variazioni e così anche Fratelli d’Italia. Solo Forza Italia calerebbe dell’1,5% rispetto al valore attuale. Azione di Calenda, invece, ne gioverebbe salendo al 4%. La platea elettorale della Lista Conte sarebbe così composta: 32% indecisi, 25% elettori Pd, 22% elettori M5S e 21% elettori di altri partiti.

noto, lista conte
Fonte: Noto
noto, conte 1
Fonte: Noto
noto, conte 2
Fonte: Noto

Sondaggi elettorali Noto: le intenzioni di voto senza il partito di Conte

La situazione attuale, senza il partito contiano, vede la Lega tornare a crescere di un punto al 28% e il Pd scendere sotto la soglia del 20%. Il Movimento 5 Stelle guadagna un punto e sale al 16% mentre Fratelli d’Italia rimane stabile al 15%. Cresce di mezzo punto al 7,5% Forza Italia, Italia Viva rimane inchiodata al 3,5%. Anche Azione non registra variazioni (3%). Chiudono Verdi (1,5%), +Europa (0,5%) e Cambiamo (1,5%). Il centrodestra ottiene il 51% dei consensi contro il 40% dei partiti di governo.

ultimi sondaggi, sondaggi politici elettorali, media sondaggi

Crisi economica, italiani pessimisti

Sul fronte economico, il 76% degli italiani prevede che in autunno il Paese piomberà in una situazione grave. Solo il 10% rimane ottimista mentre il 14% non si esprime. Sugli aiuti europei all’Italia per affrontare l’emergenza economica e sanitaria, la maggioranza degli intervistati (55%) esprime un giudizio negativo (27% i pareri favorevoli). A spiegare il dato è Antonio Noto, direttore dell’istituto di sondaggi omonimo: “I giudizi negativi nei confronti dell’Ue arrivano sia dagli elettori di centrosinistra che di centrodestra. L’elettore medio riuscirà ad esprimere un giudizio positivo solo quando avrà contezza che la propria vita è cambiata, oppure che non ha perso il lavoro. L’elettore medio si dimostra molto timido quando si tratta di promesse. Pur apprezzando il progetto preparato dall’Europa per ora non ne ha visto un riscontro fattivo”.

Sondaggi elettorali Noto – Infine, agli italiani è stato chiesto se per superare la crisi economica si fidano di più delle tesi del governo o di quelle dell’opposizione. Il 43% non si fida nè dell’esecutivo nè dell’opposizione, il 27% si fida solo delle tesi del governo e il 25% solo di quelle dell’opposizione. “Si tratta di un dato abbastanza allarmante” commenta Noto. “C’è un sentiment molto negativo per quello che potrà essere la crisi economica nei prossimi mesi. Al momento gli italiani non vedono un progetto di ripartenza credibile sia dalla parte dei partiti di governo che di quelli di opposizione”.

sondaggi elettorali noto, previsioni economiche
Fonte: Noto
noto, europa
Fonte: Noto
noto, crisi economica
Fonte: Noto

Sondaggi elettorali Noto: nota metodologica

In attesa di diffusione.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

Per commentare su questo argomento clicca qui!

L'autore: Andrea Turco

Classe 1986, dopo alcune esperienze presso le redazioni di Radio Italia, Libero Quotidiano e OmniMilano approda a Termometro Politico.. Dal gennaio 2014 collabora con il portale d'informazione Smartweek. Su Twitter è @andreaturcomi
Tutti gli articoli di Andrea Turco →