Trasferimento Legge 104: quali sono i limiti chilometrici nel 2020

Pubblicato il 28 Febbraio 2020 alle 14:29 Autore: Daniele Sforza

Quali sono i limiti chilometrici vigenti nel 2020 relativi al trasferimento di sede lavorativa per i dipendenti che fruiscono dei diritti Legge 104?

Trasferimento Legge 104 limiti chilometrici 2020
Trasferimento Legge 104: quali sono i limiti chilometrici nel 2020

Un lavoratore dipendente che fruisce dei permessi retribuiti garantiti dalla Legge 104 per assicurare assistenza al familiare con handicap in situazione di gravità, è legittimato a rifiutare un eventuale trasferimento a una diversa sede di lavoro da quella attuale. Questo è stato stabilito dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 24015/2017. Il divieto non riguarda solo il concetto di unità produttiva, ma anche il solo mutamento geografico del luogo di svolgimento della prestazione.

Legge 104/92 e permessi: quando si possono fare gli straordinari?

Trasferimento Legge 104: cosa dice la Corte di Cassazione

In riferimento al Codice Civile (articolo 2103) leggiamo quanto segue: “Il lavoratore non può essere trasferito da un’unità produttiva a un’altra se non per comprovate ragioni tecniche, organizzative e produttive”. Spetterà però al datore di lavoro comprovare l’esistenza di queste esigenze oltre al fatto che non possano essere esaudite in alcun altro modo.

In ogni caso la legge è chiara: “Il trasferimento del lavoratore legittima il rifiuto del dipendente che ha diritto alla tutela di cui all’art. 33 c. 5 della L. 104/1992 di assumere servizio nella sede diversa cui sia stato destinato ove il trasferimento sia idoneo a pregiudicare gli interessi di assistenza familiare del dipendente e ove il datore di lavoro non provi che il trasferimento è stato disposto per effettive ragioni tecniche, organizzative e produttive insuscettibili di essere diversamente soddisfatte”.

L. 104/92 con separazione coniuge: quando si perde il diritto?

Come stabilito dagli Ermellini della Cassazione, pertanto, la sede non corrisponde all’unità produttiva con riferimento al succitato articolo 2103 del Codice Civile, ma si riferisce solo ed esclusivamente la luogo fisico in cui si svolge il proprio lavoro. La legittimità del trasferimento occorrerebbe solo nell’eventualità in cui il dipendente esprima deliberatamente il proprio consenso, altrimenti il trasferimento risulta illegittimo.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →