Sondaggio Pew Research Center: gli italiani i più ostili ai musulmani in Europa

Pubblicato il 8 Gennaio 2015 alle 22:42 Autore: Francesco Anania
sondaggio musulmani italia

Sondaggio Pew Research Center: gli italiani i più ostili ai musulmani in Europa

All’indomani del grave attentato a Parigi presso la redazione del giornale satirico Charlie Hebdo, è interessante guardare i risultati di un sondaggio condotto nel mese di maggio dall’istituto statunitense Pew Research Center rispetto all’atteggiamento verso la presenza di musulmani nei diversi paesi europei.

Il dato significativo è che proprio in Italia la presenza di musulmani incontrerebbe la maggiore ostilità: ben il 63% dei cittadini del nostro Paese, infatti, risulterebbe contrario alla loro presenza contro il 23% di favorevoli. Gli altri paesi, fra quelli sondati in cui i sentimenti negativi verso i musulmani superano quelli positivi sono, inoltre, Grecia (53% di “contrari” contro 43% di “favorevoli”) e Polonia (50% contro 32%).

Il Paese col maggior numero di favorevoli risulta, invece, proprio la Francia (72%), dove è importante la presenza della comunità nordafricana; a seguire il Regno Unito (64%), altro Paese di forte immigrazione, proveniente anche in questo caso in modo particolare dalle colonie dell’ex Impero britannico, e la Germania (58%).

Dati che non devono sorprendere, con la maggiore ostilità che si concentra in paesi di più recente immigrazione e con una forte cultura cattolica, come Italia e Polonia, a fronte di paesi con un’importante componente laica e con politiche di integrazione consolidate nel corso dei decenni. A metà strada si pone non a caso la Spagna, anch’essa legata alla tradizione cattolica, ma che eredita dalla sua storia un’importante presenza culturale di derivazione araba.

sondaggio musulmani italia

Per commentare su questo argomento clicca qui!

L'autore: Francesco Anania

Classe ‘84, si laurea in Politica e Istituzioni Comparate all’Università degli Studi di Milano. Successivamente consegue il Master in Fonti, Strumenti e Metodi per la Ricerca Sociale presso la Facoltà di Scienze Statistiche dell’Università La Sapienza di Roma e accumula esperienze in diversi ambiti, lavorando tra l’altro presso l’istituto di ricerche Ferrari Nasi & Associati e in Regione Lombardia. Ha pubblicato una raccolta di poesie ed è appassionato di politica, world music e calcio. Collabora con Termometro Politico dal 2013.
    Tutti gli articoli di Francesco Anania →